PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO

La gestione del processo di inserimento lavorativo si articola in tre Fasi, con finalità e obiettivi differenziati.

Questi i contenuti di ogni fase.

Avvio del percorso – 1^ FASE

  • Incontri con i referenti dei Servizi di inserimento Lavoro;
  • Definizione e Sottoscrizione degli accordi istituzionali tra la Cooperativa (Ente Ospitante) ed il Servizio inviante Comune (Ente Promotore) attraverso apposita Convenzione;
  • Segnalazione dell’utente sulla base di un quadro complessivo: richiesta al Servizio della compilazione della Scheda di Presentazione, in cui sono contenute le informazioni (anagrafiche, situazione clinica, giuridica, economica, etc.) relative alla persona e l’eventuale documentazione utile (invalidità, diagnosi, Curriculum Vitae, etc.). Nella scheda sono inoltre contenuti gli obiettivi che il Servizio si propone per l’inserimento;
  • Valutazione delle Ammissioni;
  • Incontro di presentazione dell’Utente: il Tutor dell’Ente Promotore effettua la presentazione della persona alla Cooperativa per verificare l’idoneità del soggetto con il profilo professionale richiesto o con l’offerta della cooperativa.

Incaricati di queste attività sono la Responsabile Area Sociale (Presidente della Cooperativa), il Pedagogista e se richiesto il Responsabile di settore interessato.

Presa in carico:

  • Avviene con l’apertura della cartella personale dell’Utente: per ogni segnalazione viene aperta una Cartella Personale (cartacea e informatica) in cui è contenuta la documentazione relativa alla persona, oltre ai verbali degli incontri svolti.

Per ogni segnalazione viene aggiornato il Database interno, volto a monitorare l’andamento generale dei Tirocinanti e utile per l’analisi dei dati a fine anno.

  • Prevede il coinvolgimento del responsabile di settore: il responsabile del Settore coinvolto viene informato circa le tempistiche dell’inserimento e gli obiettivi specifici della Persona.

Il pedagogista accompagna il responsabile di settore nel definire le modalità di gestione del Tirocinante individuando i metodi più funzionali per l’inserimento e tenendo in considerazione le esigenze produttive e l’organizzazione interna del reparto.

Gestione degli inserimenti – 2^ FASE

Costruzione, Avvio & Condivisione del Progetto:

  • Formalizzazione dell’inserimento mediante la sottoscrizione del Progetto Formativo Individualizzato;
  • Comunicazione all’Amministrazione della Cooperativa per l’espletamento della parte burocratica: COB, eventuale posizione INAIL, verifica del Corso di Sicurezza sul Lavoro(normalmente a carico del Servizio), programmazione della visita per la valutazione dell’idoneità lavorativa.

Avvio del Tirocinio & condivisione del progetto:

  • Accoglienza nel settore produttivo;
  • Conoscenza dell’organizzazione quotidiana;
  • Monitoraggio del Progetto;
  • Valutazione in itinere;

Chiusura Progetto – 3^ FASE

Prima della conclusione del progetto è previsto un incontro di restituzione per condividere gli esiti del percorso sulla base delle osservazioni raccolte attraverso:

  • Esito dei monitoraggi in itinere:

la risposta alle esigenze lavorative e la maturazione del soggetto viene costantemente monitorata grazie alla sinergia delle figure professionali coinvolte interne alla cooperativa (pedagogista, tutor aziendale, responsabile di settore) le quali, tramite incontri in Equipe, condividono le osservazioni effettuate.

Il monitoraggio dei soggetti avviene tramite osservazione diretta del tirocinante nel settore produttivo e tramite colloqui periodici di counselling educativo o coaching individuale, utili per l’individuazione di obiettivi di lavoro e per la verifica degli stessi.

  • S.O.M.I.(scheda osservazioni-monitoraggio-individuale):

Le osservazioni vengono riportate nella scheda S.O.M.I. (scheda osservazione e monitoraggio individuale) e condivise con gli operatori dei servizi territoriali invianti referenti del caso.

Il confronto con i servizi permette di delineare al meglio il percorso intrapreso dai soggetti con svantaggio, agendo i dovuti correttivi per una risposta ai bisogni sempre più puntuale.

  • Auto Valutazione dell’Utente:

Attraverso i colloqui individuali il tirocinante viene accompagnato nel prendere consapevolezza circa i propri limiti e le proprie risorse, al fine di effettuare un’autovalutazione della propria prestazione lavorativa e di apportare dei miglioramenti nelle aree da consolidare.

  • Schede di valutazione delle abilità lavorative:

L’integrazione lavorativa viene monitorata attraverso la “scheda di valutazione delle abilità lavorative”.

La scheda viene compilata inizialmente al 1° e 3° mese di Tirocinio e alla conclusione dello stesso ed è a cura del responsabile di Settore, del tutor aziendale, del pedagogista per raggiungere una valutazione il più possibile condivisa ed oggettiva.

La scheda, suddivisa in item vuole indagare il grado di socializzazione, l’inserimento nell’ambito lavorativo, la comprensione del compito affidato, la produttività, l’autonomia lavorativa.

Per ogni risposta è prevista l’attribuzione di un punteggio per segnalare la positività o meno dell’area da valutare.

La percentuale risultante, permette di individuare celermente gli ambiti di miglioramento e le strategie da adottare per progredire negli obiettivi.

La scheda viene poi condivisa anche con il Tirocinante per offrire consapevolezza sui propri punti di forza e limiti da superare

La conclusione del progetto e chiusura del Tirocinio

Il progetto si conclude con il raggiungimento degli obiettivi o con l’individuazione di un nuovo percorso (da effettuarsi anche in altro servizio).

È possibile procedere all’assunzione del Tirocinante in caso la persona venga valutata come una risorsa di interesse per la Cooperativa e in base al raggiungimento degli obiettivi previsti.